agenzia di comunicazione | marketing e pubblicità | web agency | studio grafico | progettazione editoriale | Bologna | Italy

Pinterest

Blog

Pinterest per le aziende: web marketing evoluto per brand e corporate

Pinterest è la grande novità di quest’anno. In pochi mesi la rete ne ha decretato il successo negli Stati Uniti e anche in Europa e in Italia crescono ogni giorno gli utenti che condividono i loro interessi su questo social.

 

Come funziona?

Per entrare occorre essere invitati. Una volta loggati è possibile creare delle “boards”, lavagne virtuali dove raggruppare le immagini “pinnate” dai vari siti. In sostanza Pinterest è un utile supporto per raccogliere le immagini (e i relativi link, visto che da ogni immagine è possibile risalire al sito dal quale è stata ripresa). Una sorta ditaccuino virtuale di appunti visivi. Ideale per raccogliere spunti per ricette di cucina, viaggi da intraprendere, arredi preferiti, moda, ecc.

Il funzionamento è semplice e intuitivo. Una volta scaricata l’applicazione che permette di inserire il “pin” (lo spillo, dall’inglese) dalla barra del browser, potrete navigare nel web e selezionare a vostro piacimento le immagini che più vi interessano, catalogarle secondo il vostro criterio e riorganizzare le boards, aggiungendo o eliminando i vostri “pin”, inserendo commenti e, molto importante, condividendo le vostre scelte su facebook o twitter.

Ma per le aziende è utile?

Decisamente sì, ma indubbiamente non per tutte. In quanto strumento di content curation è molto interessante per tutte le aziende che intendono aumentare la visibilità del proprio brand o dei prodotti, in particolare se dispongono di ricche ed interessanti raccolte di immagini da poter condividere. Il primo limite che molte aziende (ma anche molti utenti) incontreranno è rappresentato dalla struttura del proprio sito: molti web layouts non sono “pinnabili”. Tutti i siti flash (già non condivisibili sui social) non sono adatti per essere condivisi su Pinterest. Ma anche tutti i siti che postano immagini attraverso le raccolte dovranno presto riconvertire in parte o totalmente le loro piattaforme.

Per le aziende che si occupano di servizi, Pinterest può essere utilizzato per integrare le informazioni o gli approfondimenti specifici, da organizzare per argomento e da “offrire” ai propri clienti e utenti, con molta più semplicità di gestione rispetto ad un blog.

Per chi si occupa di pubbliche relazioni, Pinterest si rivelerà una vera manna… basterà solo percepirne le potenzialità e potrà diventare un prezioso alleato per il web marketing. 

Altri vantaggi

L’ampia possibilità di personalizzazione delle boards permette di utilizzare questo strumento con creatività e i risultati non mancano. Molte siti americani dichiarano di aver aumentato il traffico attraverso i contatti provenienti da Pinterest, tanto che, in taluni casi il traffico di Pinterest ha persino superato quello generato da Facebook o Twitter. Evidentemente si tratta di siti con predominanza di immagini di grande appeal, come Martha Stewart, per esempio.

Noi abbiamo fatto qualche test, attraverso Parentesirosa.it ed effettivamente possiamo confermare il risultato molto positivo generato in poche settimane di attività. Inoltre sembra anche che Pinterest generibacklinks operativi e influenti, capaci di aumentare il page rank dei siti selezionati, almeno in questa prima fase.

E il copyright?

L’avvento di Pinterest ha contribuito a vivacizzare il dibattito sulla condivisione dei materiali (video, audio, foto, testi) attraverso la rete. Il “pin” lede il copyright? Sicuramente qualche accorgimento va preso dall’utente ma, fino a quando il “pin” permetterà sempre di risalire al sito di origine, quello per intenderci che pubblica l’immagine, la condivisione su Pinterest non è diversa, a nostro avviso, di quella che avviene attraverso altri social come Facebook o Twitter. E poi chi potrebbe lamentarsi per backlinks di qualità? Il dibattito ci sembra anacronistico rispetto alla realtà, anche se è intuibile che a siti come Flickr la “new entry” dei social possa non risultare così interessante, anzi.

Pinspire, il clone italiano

Ebbene sì, a pochi mesi dalla nascita di Pinterest è nato Pinspire… un vero e proprio clone made in Italy del social statunitense. Intuiamo bene gli obiettivi ed è innegabile che possa essere un altro utile strumento seo… peccato solo non aver sfruttato la creatività innata degli italiani per proporlo, quantomeno, con un layout diverso. Staremo a vedere…

Se desiderate approfondire l’argomento consigliamo questo video, davvero molto efficace e divertente.

Digital tutor

Consulenza strategica e orientamento

Alle PMI che si affacciano alla comunicazione digitale, Cocicom offre incontri di orientamento su web, social media e digital marketing.

Scopri

Collabora con noi

Sei un blogger o un web content manager e sei disponibile a collaborare con aziende e brand? Contattaci e presentaci il tuo sito o blog scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Vuoi inviarci il tuo curriculum? Sappi che al momento non stiamo cercando personale. In ogni caso, se desideri comunque inviare il tuo curriculum, puoi farlo scrivendo alla Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. . Prima di scriverci ricordati di leggere la nostra Privacy Policy.

Seguici

Sulle nostre pagine facebook e pinterest troverai notizie, informazioni e curiosità su marketing e comunicazione. Spunti e aggiornamenti utili e assolutamente da non perdere!

Visita anche il nostro lifestyle blog parentesirosa.it

Contattaci

Contattateci per maggiori informazioni oppure per fissare un appuntamento.

La nostra sede è a Bologna, in zona Mazzini (uscita 11bis della tangenziale).

Contattaci